Dipendenze da sostanze stupefacenti

Il Disturbo da Dipendenza da Sostanze stupefacenti è un disturbo che spesso sfocia in una dipendenza da più sostanze da parte del soggetto che ne fa uso.

Talvolta, inoltre, si associa ad altre forme di dipendenza come può essere il gioco on-line, lo shopping compulsivo…

Per parlare di disturbo dovuto all’abuso di sostanze, devono essere presenti almeno 2 dei sintomi qui sotto elencati, in un arco temporale di 12 mesi:

  • consumo della sostanza in quantità sempre più importanti e difficoltà a controllare l’assunzione,
  • desiderio incontrollabile di procurarsi la sostanza,
  • grande quantità di tempo impiegata nell’assunzione della sostanza o in azioni finalizzate ad ottenerla,
  • difficoltà a mantenere il proprio ruolo sia nel contesto famigliare, che in quello lavorativo o scolastico,
  • abbandono o riduzione delle attività quotidiane,
  • difficoltà ad interrompere l’uso della sostanza,
  • utilizzo ripetuto della sostanza in circostanze pericolose,
  • sviluppo della tolleranza alla sostanza che può condurre a sintomi d’astinenza qualora non la si assumi, come ansia, irritabilità, nausea, vomito, tremori, spossatezza…

Tra gli adolescenti, la sostanza maggiormente diffusa è l’alcol, seguita da tabacco e cannabis.

Come mai un adolescente si avvicina alle sostanze? Le motivazioni che stanno alla base dell’uso della sostanza sono molteplici.

Tanti ragazzi, infatti, possono assumere sostanze per il proprio bisogno di essere accettati da parte di un gruppo, altri provano un malessere così profondo da tentare di autocurarsi tramite l’assunzione di sostanze che nel breve periodo possono dare sensazioni piacevoli e possono farli sentire vivi e in grado di ottenere ciò che desiderano.

Spesso, inoltre, la fase di vita che stanno attraversando caratterizzata da una grande incertezza su chi sono e chi saranno, porta i ragazzi a cercare tranquillità nell’utilizzo di sostanze psicoattive ritenute in grado di allontanare e placare forti angosce.
 

Nome*
Sede di Riferimento*
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

 
La sostanza diventa poi talvolta una via per sperimentarsi e trasgredire, nell’illusione che attraverso di essa il ragazzo riesca a gestire e padroneggiare qualsiasi tipo di situazione.

Spesso l’illegalità delle sostanze porta poi il ragazzo ad assumere atteggiamenti devianti e pericolosi sia per sé che per gli altri e ad allontanarsi anche dai rapporti più significativi.

Il rischio di dipendenza da sostanze da parte di un giovane tra i 13 e i 25 anni è più alto, in quanto è proprio in questa fascia d’età che il cervello si modella e si struttura e l’esposizione alle sostanze può causare un cambiamento graduale e definitivo nelle competenze cognitive, relazionali ed affettive.

La cura di una dipendenza da sostanze è necessaria per aiutare il ragazzo a interrompere l’assunzione della sostanza e ad aiutarlo a recuperare il proprio ruolo e ad individuare la propria strada.

Talvolta può essere necessaria una cura farmacologica che aiuti il soggetto a gestire i sintomi dell’astinenza e prevenire le ricadute. In ogni caso, è necessario un trattamento psicoterapico che accompagni l’individuo a riconoscere e ad individuare nuove strategie per fronteggiare la propria sofferenza e a trovare assieme un senso a ciò che sta succedendo.