Depressione

La depressione rappresenta una alterazione del tono dell’umore; molti studiosi evidenziano che la depressione sia uno dei disturbi psicologici più diffusi nel mondo e con un grande impatto sulla vita sociale dell’individuo.

Le cause della depressione non sono conosciute, sebbene si ritenga che esse derivino dall’interazione tra fattori ambientali e psicologici.

Vi sono, infatti, degli aspetti caratteriali del soggetto che lo mettono maggiormente a contatto con la propria sofferenza e, quindi, con la probabilità che possa sviluppare un sintomo depressivo.

Tali elementi possono essere l’eccessiva autocritica, sentimenti di colpa, bassa autostima…

La convivenza, poi, con soggetti affetti da depressione, può aumentare la probabilità di sviluppare un sintomo depressivo.

Allo stesso modo, alcune condizioni sociali, come povertà o ridotta istruzione o anche alcuni eventi stressanti come un lutto, un licenziamento o un trauma, in generale, vengono considerati come probabili elementi che causano un disturbo depressivo.

Le perdite subite, infatti, sia di persone care, sia di alcune condizioni di benessere possono causare spesso sentimenti di solitudine e vuoto.
 

Nome*
Sede di Riferimento*
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

 
La depressione non colpisce solo la mente, ma anche il corpo. In particolare essa è caratterizzata principalmente da due elementi che possono anche coesistere nel soggetto:

  • basso tono dell’umore (tristezza, pianto…)
  • perdita o incapacità di provare piacere o interesse verso elementi che, invece, precedentemente potevano risultare stimolanti per il soggetto.

Accanto a questi due elementi (possono esserci entrambi o uno solo di questi), per poter parlare di depressione, è necessario che si presentino contemporaneamente per almeno 15 giorni, 3 dei seguenti sintomi:

  • alterazione del sonno
  • pensieri negativi
  • difficoltà a concentrarsi
  • rallentamento o agitazione a livello psicomotorio
  • diminuzione o aumento dell’appetito
  • perdita o diminuzione della reazione agli stimoli

Tali sintomi, come già detto, mettono in difficoltà il soggetto nei vari ambiti della sua vita, da quello relazionale a quello lavorativo, sociale, ma anche famigliare, compromettendone il benessere.

Proprio per questo motivo può essere utile intraprendere una psicoterapia allo scopo di comprendere e trovare, assieme, un senso alla sofferenza del soggetto; spesso può essere utile, inoltre, che tale percorso sia accompagnato da una terapia farmacologica.