Foto

La fobia sociale, o ansia sociale, è un disturbo d’ansia che si caratterizza per la paura di agire di fronte alle persone in maniera imbarazzante o umiliante, ricevendo giudizi negativi.
Statisticamente colpisce maggiormente le donne e la percentuale di persone che ne soffre è di circa il 13% (dato che tiene conto di chi l’ha provata anche per un singolo episodio nella propria esperienza di vita).

L’uomo viene definito dalla sociologia come un’animale sociale poiché ha la possibilità di interagire con gli altri esemplari della stessa specie. Questa caratteristica è molto importante siccome è rilevante per diverse funzioni dell’esistenza come la creazione di una famiglia, la possibilità di avere un lavoro, avere rapporti sentimentali con altre persone…

Anche se alcune situazioni comuni generano ansia sociale, chi è affetto da questa problematica tende a evitare del tutto quelle condizioni che possono essere causa di possibile sofferenza.Ciò che caratterizza la fobia sociale è proprio la paura di essere criticati quando si segue un lavoro o un compito di qualsiasi genere, il quale sarà poi valutato da terzi. Le forme di fobia sociali sono diverse.

C’è chi manifesta l’ansia solo in specifiche situazioni di prestazione, come parlare in pubblico, durante un esame o test. In altri casi, ossia quelli più gravi, l’ansia si manifesta nella maggior parte delle situazioni interpersonali e pubbliche (con notevole compromissione del benessere della persona).
In entrambe le circostanze, l’agitazione è dovuta alla paura di non portare a termine, o farlo nel modo sbagliato, un compito assegnato.

Tra i rimedi migliori possiamo annoverare: farmacoterapia (ansiolitici o antidepressivi possono aiutare se in concomitanza con un percorso introspettivo psicoterapeutico); psicoterapia (buone evidenze si hanno dalle terapie psicodinamiche che “scavano” nel profondo, nelle radici del malessere che ha generato la fobia e dalle terapie cognitive-comportamentali che tende a modificare sia il pensiero che il comportamento disadattivo).

A cura del dott. Marco Santini
Psicologo – Psicoterapeuta